Francesca Bonafini

Da "Mangiacuore" (Fernandel, 2008) a "Celestiale" (Sinnos, 2018) : l'archivio delle mie pubblicazioni, presentazioni, readings, rassegna stampa

Tag: Avagliano Editore

Francesca Bonafini al Salone del Libro di Torino 2018

 

Progetto 5 domande #SalTo18:
Francesca Bonafini

 


Bookblog 2018 – Intervista a Francesca Bonafini

 

Sinnos al Salone del Libro di Torino, tra Costituzione, diritto di leggere e storie coraggiose

 

Incontro con Francesca Bonafini. Conduce Sara Zambotti.

Annunci

Salone Internazionale del Libro – Torino 2017

Avagliano Editore – Padiglione 3 – Stand S71

Uno scavo nell’interiorità di una protagonista credibile, autentica, sincera. È un libro di forte interrogazione esistenziale, che richiama, per certe tonalità interiori, due scrittori della linea emiliana, la cui lezione l’autrice sembra aver ben presente: Silvio D’Arzo e Pier Vittorio Tondelli. Il Sole 24 Ore

Un romanzo che fa venire voglia di viaggiare e di innamorarsi. Grazia Verasani

Casa di carne sa dire magnificamente e tutto della geografia sentimentale. Questo romanzo è un’istigazione all’amore. Patrizia Rinaldi

Silvio D’Arzo diceva che non c’è nulla al mondo di più bello che scrivere. Per parte mia, potrei dire che il fascino ti prende, quando senti che la lingua diventa ritmo, e che quel ritmo ha una sua verità. Francesca Bonafini, oggi, ridesta questa esperienza di incantesimo. Fabrizio Frasnedi

Casa di carne (Avagliano, 2014) – rassegna stampa

 

 La scrittura di Francesca Bonafini non delude mai. Romana Petri

La gioia della carne e la necessità dell’etica. Corriere della Sera

Questo romanzo incanta e conduce chi legge nel cuore della capacità di essere se stessi a dispetto del giudizio degli altri, resistendo ai luoghi comuni. Letteratitudine

Un’escursione nel mondo sterminato del linguaggio d’invenzione. Pelagos. Rivista di Letteratura Contemporanea

La cattiva reputazione (Avagliano, 2016) – rassegna stampa

 

“La cattiva reputazione” in viaggio – autunno e inverno

 Cover_La cattiva reputazione_HDLa cattiva reputazione (Avagliano, 2016)

Le date dell’autunno 2016 – inverno 2017

SCANDICCI (FI) – 29 ottobre, Libreria Centrolibro Scandicci, ore 17.30. Con Emanuele Ponturo e Marco Innocenti.
PALERMO – 19 novembre, Caffè del Teatro Massimo, ore 10,30. Con Emanuele Ponturo e Beatrice Monroy.
BAGHERIA – 20 novembre, Galleria d’arte Drago, ore 18. Con Ornella Piazza e a cura della libreria Interno95.
CATANIA – 24 novembre, libreria Catania Libri, ore 18. Con Nicola Savoca. Letture a cura di Letizia Tatiana Di Mauro.
SIRACUSA – 27 novembre, libreria Mascali, ore 18. Con Giuseppina Norcia.
ROMA Più libri più liberi. Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria, Stand di Avagliano.
PESCARA – 27 gennaio, Libreria Centro D’Abruzzo, ore 18. Con Alessio Romano e Mascia di Marco.
VIGASIO (VR) – 9 febbraio, palazzetto dello sport, ore 20.30. Con Laura Passaretti.
PERUGIA – Teatro Morlacchi, febbraio, data in via di definizione.
FERRARA – 9 marzo, gruppo di lettura, dettagli da definire.
PESARO – 23 marzo, libreria Il Catalogo, orario da definire. Con Elisa Vignali.

Date in via di definizione per il 2017: Roma, Milano, Firenze e altre.

 

Acquista La cattiva reputazione su:
Ibs
Amazon
Feltrinelli
Libreria Universitaria

piu-libri-piu-liberi-2016-avagliano

 

ROMA – Più libri più liberi. Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria, Stand di Avagliano.

ROMA – Più libri più liberi. Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria, Stand di Avagliano.

 

Presentazione de "La cattiva reputazione" al Teatro Massimo di Palermo. Con Beatrice Monroy.  19 novembre 2016

19 novembre 2016, presentazione de “La cattiva reputazione” al Teatro Massimo di Palermo. Con Beatrice Monroy. 

 

27 gennaio 2017, "La cattiva reputazione" a Pescara.

27 gennaio 2017, “La cattiva reputazione” a Pescara, rassegna “A tu per tu con l’autore”.

 

La cattiva reputazione – rassegna stampa

“Lessico giocosamente punteggiato da termini desueti”
(Matteo Giancotti su La Lettura del Corriere della Sera)

“Questo romanzo incanta e conduce chi legge nel cuore della capacità di essere se stessi a dispetto del giudizio degli altri, resistendo ai luoghi comuni.”
(Simona Lo Iacono su Letteratitudine)

“Un’escursione nel mondo sterminato del linguaggio d’invenzione”
(Alessandro Moscè su Pelagos. Rivista di Letteratura Contemporanea e sulla rivista Prospettiva)

“Francesca Bonafini ha scritto un romanzo che pare una jam session, però una di quelle dove suona gente parecchio brava, che non fa calare mai il ritmo fino alla fine.”
(Giovanni Pannacci su L’arte della menzogna)

“Una lingua rotonda, ritmata, armoniosa e perfetta. Non è certo una novità che la prosa di Francesca Bonafini prediliga le sonorità, e questo romanzo talvolta pare cantato.”
(Caterina Falconi su Libroguerriero).

“Un linguaggio scoppiettante e personale, originalissimo”
(La Provincia, settimanale di Sondrio)

“Francesca Bonafini scava, va giù a fondo, apre tutte quelle porte che teniamo sotto chiave”

(Fabiana Marzotto sul blog letterario Tre mandorle al dì)

“La scrittura della Bonafini è vivace, un flusso di coscienza che travolge”
(Rossella Montemurro su IlMioTg.it)

“Inconfondibile, il passo andante di Francesca Bonafini, il ritmo del suo camminare scrivendo. Con il suo stile che non delude mai conduce il lettore in una storia d’amore e d’anarchia”
(Valentina Ferri)

“Il linguaggio di Francesca è musicale, intrigante e poetico e accoglie il lettore in un’atmosfera di piccole grandi libertà. Ad accompagnare le pagine de “La cattiva reputazione” ho scelto la voce della Chamana o Chavela Vargas, la cantautrice messicana tenera e rivoluzionaria che nella sua lunga carriera musicale ha cantato l’amore, la libertà, il coraggio e combattuto i falsi moralismi e le costrizioni sociali.” (Valentina di Cesare, per la rubrica “1 LIBRO + 1 DISCO – incontri fortuiti di suoni e parole” su Rockambula Webzine)

– Sulmona, Premio Metamorfosi 2016.
Menzione speciale a “La cattiva reputazione”
(Avagliano, 2016).

premio-metamorfosi-la-cattiva-reputazione


INTERVISTE

“Le parole della letteratura sono gustose, e Nina ne sente il sapore, ci gioca, se le mastica con godimento. Credo che questo accada a chiunque abbia un rapporto autentico con la lettura: le parole dei testi nutrono la quotidianità, tornano a essere carne, finiscono per abitare nella viva voce di un lettore innamorato della lingua.”
– (Dall’intervista uscita sul blog letterario L’arte della menzogna)

“Rinunciando a un legame sicuro, avvio fra noi un rapporto libero” scriveva Illich. Sarò temeraria, ma mi piace pensare all’amore come a una promessa che si rinnova giorno per giorno, in totale autonomia da ogni condizionamento istituzionale. I condizionamenti istituzionali assicurano la facciata. Non la sostanza.
– (Dall’intervista uscita sul portale Il Mascalzone)

“Il linguista Harald Weinrich dice giustamente che le parole sono innocenti, che l’inganno non è nella lingua, ma nell’uso che se ne fa. Credo sia dunque importante cercare di fare delle parole un utilizzo consapevole, virtuoso, responsabile. Il che comporta, a mio modo di vedere, anche la capacità di restare in silenzio. Il silenzio fa bene alle parole.”
– (Dall’intervista uscita sul portale Finzioni

“Sta di fatto che le etichette con cui classifichiamo e ordiniamo tutto – e non solo le letterature – sono certamente rassicuranti, e fanno parte del nostro bisogno di trovare degli appigli per non vivere nell’angoscia, ma non dobbiamo dimenticarci che ogni sistema di riferimento è precario, provvisorio, illusorio. E se attraverso la frequentazione dei testi diventiamo saccenti e arroganti, non abbiamo capito niente, ma proprio niente, del senso dello scrivere e del leggere, che ci portano invece in una direzione di accoglienza, di gentilezza, di ascolto.”
– (Dall’intervista uscita su La voce di Bagheria)

“Libertà significa, forse, responsabilità, ovvero capacità di mettersi in dialogo. A me piace molto impiegare il mio tempo a riflettere sulle parole (e sarà anche per questo che sono lentissima in tutto e sempre arranco trafelata in questo mondo così performativo e così ossessionato dalla rapidità) e nella parola responsabilità, smontandola, ci trovo dentro il verbo rispondere e il sostantivo abilità: essere responsabili vuol dire essere capaci di rispondere, nel senso di saper entrare in dialogo con l’alterità, di tener conto dell’alterità. Tener conto di chi ci sta di fronte, averlo a cuore. Ma avere a cuore l’Altro non significa sottostare, non significa farsi condizionare, né abdicare al proprio desiderio, inteso come vocazione, attitudine, passione. La cura, la considerazione, il rispetto devono essere reciproci, altrimenti il dialogo diventa impraticabile.”
– (Dall’intervista uscita sulla rivista Periodico Italiano Magazine)


INTERVISTE RADIO

  • A Radio Radicale durante il Salone del Libro di Torino 2016
    Radio Radicale, intervista a Francesca Bonafini per "La cattiva reputazione" e a Daniela D'Angelo (Avagliano editore), Torino, Salone del Libro 2016

    Radio Radicale, intervista a Francesca Bonafini per “La cattiva reputazione” e a Daniela D’Angelo (Avagliano editore), Torino, Salone del Libro 2016

     

  • Nella trasmissione Fizz Show
  • A Radio Paestum, trasmissione Parla con Milva, puntata del 28/06/2016.
  • A Il posto delle parole
    il-posto-delle-parole

 

INTERVISTE TV

Intervista a Telequattro, tv regionale del Friuli Venezia Giulia, trasmissione Trieste in diretta, dove abbiamo  conversato di cattive reputazioni, di anarchia dell’amore, del sapore delle parole, della lettura come capacità di ascolto, della fortuna di incontrare dei maestri, del progetto e dell’imprevedibilità, e infine di film belli come “Non essere cattivo” di Claudio Caligari.

RAI NEWS 24
Francesca Bonafini parla de La cattiva reputazione (Avagliano, 2016) nella trasmissione Il Sabbatico di Rai News 24.

francesca-bonafini-a-rai-news-24
RETE 8 LIBRI del 2 febbraio 2017
Dal minuto 11:42

la-cattiva-reputazione-a-rete-8-libri

Acquista La cattiva reputazione su:
Ibs
Amazon
Feltrinelli
Libreria Universitaria

Cover_La cattiva reputazione_HD

Quarta di copertina de "La cattiva reputazione"

La cattiva reputazione in viaggio, tutte le tappe:

BOLOGNA – 10 maggio, Libreria Trame, ore 20.30. Con Alessandra Sarchi.
TORINO – 12 maggio, Libreria Golem, ore 18. Con Fabiana Marzotto.
MODENA – 20 maggio, Emily Bookshop, ore 18.30. Con Eliselle.
VERONA – 29 maggio, Vib – Spazio Vibrissae, ore 11.30. Con Federica Sgaggio.
IMOLA – 4 giugno, libreria Coop, ore 17.30. Con Muriel Pavoni.
BOLOGNA – 8 giugno, reading in Piazza Verdi per “Piazza Letterarie“, a partire dalle ore 18.
NAPOLI – 14 giugno, Libreria Iocistò, ore 18.30. Con Patrizia Rinaldi e Carmen Pellegrino.
FUNO (BO) – 18 giugno, piazza del Mercato, ore 21. Con Samanta Picciaiola.
TRIESTE – 25 giugno, Summertat – rassegna estiva della libreria In der Tat, ore 19.
TIRANO (SO) – 29 giugno, rassegna “dimercoledì- un mosaico di libri e parole, libreria Il Mosaico, ore 21. Con Sara Baldini.
VERONA – 8 luglio, aperitivo alla libreria cooperativa Libre, ore 18.
SCANDICCI (FI) – 29 ottobre, Libreria Centrolibro Scandicci, ore 17.30. Con Emanuele Ponturo e Marco Innocenti.
PALERMO – 19 novembre, Caffè del teatro Massimo, ore 10,30. Con Emanuele Ponturo e Beatrice Monroy.
BAGHERIA – 20 novembre, Galleria d’arte Drago, ore 18. Con Ornella Piazza e a cura della libreria Interno95.
CATANIA – 24 novembre, libreria Catania Libri, orario da definire. Con Nicola Savoca.
SIRACUSA – 27 novembre, libreria Mascali, ore 18. Con Giuseppina Norcia.
PESCARA – 27  gennaio, libreria Coop Centro D’Abruzzo, con Mascia Di Marco e Alessio Romano, ore 18.
VIGASIO (VR) – 9 febbraio, palazzetto dello sport, ore 20.30, con Laura Passaretti.
PERUGIA – dettagli in via di definizione
FERRARA – 9 marzo, gruppo di lettura, dettagli da definire.
PESARO – 23 marzo, libreria Il Catalogo, con Elisa Vignali, orario da definire.

Date in via di definizione per il 2017: Roma, Milano, Firenze e altre.

La cattiva reputazione al Salone Internazionale del Libro 2016 a Torino dal 12 al 16 maggio allo stand di Avagliano Editore, padiglione 1, stand E67.

Avagliano - Salone 2016

La cattiva reputazione: conversazione radiofonica a Il Posto delle Parole

il-posto-delle-parole

“E il garbo di una frase è il suo insostituibile sapore; e tale sapore non è altro che il suo ritmo”. Da questa frase di Fabrizio Frasnedi citata in esergo ne La cattiva reputazione (Avagliano, 2016) ha preso avvio la mia conversazione radiofonica con Livio Partiti per Il posto delle parole, andata in onda sabato 15 ottobre 2016 e che si può riascoltare qui.

In apertura de "La cattiva reputazione" (Avagliano, 2016)

In apertura de “La cattiva reputazione” (Avagliano, 2016)

 

La cattiva reputazione su Rai News 24

Francesca Bonafini parla de La cattiva reputazione (Avagliano, 2016) nella trasmissione Il Sabbatico di Rai News 24.

francesca-bonafini-a-rai-news-24

La cattiva reputazione in viaggio – le date della primavera

 Cover_La cattiva reputazione_HDLa cattiva reputazione (Avagliano, 2016)

le date della primavera 

BOLOGNA – 10 maggio, Libreria Trame, ore 20.30. Con Alessandra Sarchi.
TORINO – 12 maggio, Libreria Golem, ore 18. Con Fabiana Marzotto.
MODENA – 20 maggio, Emily Bookshop, ore 18.30. Con Eliselle.
VERONA – 29 maggio, Vib – Spazio Vibrissae, ore 11.30. Con Federica Sgaggio.
IMOLA – 4 giugno, libreria Coop, ore 17.30. Con Muriel Pavoni.
BOLOGNA – 8 giugno, reading in Piazza Verdi per “Piazza Letterarie“, a partire dalle ore 18.
NAPOLI14 giugno, Libreria Iocistò, ore 18.30. Con Patrizia Rinaldi e Carmen Pellegrino.
FUNO (BO) – 18 giugno, piazza del Mercato, ore 21. Con Samanta Picciaiola.
TRIESTE –  25 giugno, Summertat – rassegna estiva della libreria In der Tat, ore 19.
TIRANO (SO) – 29 giugno, rassegna “dimercoledì- un mosaico di libri e parole, libreria Il Mosaico, ore 21. Con Sara Baldini.
VERONA – 8 luglio, aperitivo alla libreria cooperativa Libre, ore 18.

Date in via di definizione per l’autunno: Pesaro, Firenze, Pescara, Roma, Milano, Palermo, Catania, Siracusa, Trapani, Messina, Genova e altre ancora.

La cattiva reputazione al Salone Internazionale del Libro 2016 a Torino dal 12 al 16 maggio allo stand di Avagliano Editore, padiglione 1, stand E67.

Avagliano - Salone 2016

 

 

Radio Radicale, intervista a Francesca Bonafini per "La cattiva reputazione" e a Daniela D'Angelo (Avagliano editore), Torino, Salone del Libro 2016

Radio Radicale, Massimiliano Coccia intervista Francesca Bonafini per “La cattiva reputazione” e Daniela D’Angelo (Avagliano editore). Torino, Salone del Libro 2016. L’intervista si può ascoltare qui.

 

Torino, Salone del Libro 2016, stand di Avagliano editore.

Torino, Salone del Libro 2016, stand di Avagliano editore.

 

Alessandra Sarchi e Francesca Bonafini alla libreria Trame di Bologna per l'anteprima de "La cattiva reputazione", 10 maggio 2016. (Foto di Claudio Guerra)

Alessandra Sarchi e Francesca Bonafini alla libreria Trame di Bologna per l’anteprima de “La cattiva reputazione”, 10 maggio 2016. (Foto di Claudio Guerra)

 

La presentazione napoletana de "La cattiva reputazione" con Patrizia Rinaldi e Carmen Pellegrino. http://www.gazzettadinapoli.it/2016/06/14/francesca-bonafini-paolo-rumiz-appuntamento-

La presentazione napoletana de “La cattiva reputazione” con Patrizia Rinaldi e Carmen Pellegrino. (Foto di Ciro Orlandini).

Su Il Piccolo di Trieste, in occasione della presentazione triestina alla libreria In der Tat

Su Il Piccolo di Trieste, in occasione della presentazione triestina alla libreria In der Tat. 

 

 

La cattiva reputazione —­­ in libreria dal 12 maggio

Cover_La cattiva reputazione_HD

Paola, che le amiche chiamano Pillo, manda improvvisamente all’aria il suo matrimonio con Pinuccio, che gli amici chiamano Nuccio, un ragazzo prevedibile che le avrebbe garantito un futuro stabile ma senza emozioni. Il colpo di testa si deve all’innamoramento folle per il bel Pierluca, un chitarrista biondo ed enigmatico, e si interseca con un altro innamoramento folle, quello dell’amica Nina per Luigi, pianista nella stessa band in cui suona Pierluca.
Le ragazze iniziano un’avventura on the road in compagnia di altre due giovani donne inquiete quanto loro. Un viaggio che le porterà a confrontarsi con i temi dell’amore, del matrimonio, della famiglia e con la difficoltà di crescere senza adattarsi alle regole precostituite, obbligatorie per tutti.
Sullo sfondo di un’Italia ipocrita e moralista, le protagoniste, durante il loro viaggio, faranno molti incontri: i fratelli marchigiani Danilo e Tommaso e la loro famiglia omofoba, l’infermiera Silvia Berneri e il suo coraggio ribelle, il giovane tunisino Jamil, i salotti della Milano bene, un solitario ragazzo genovese e un’ombra che torna dal passato di Nina.
Grazie a una scrittura pirotecnica e briosa Francesca Bonafini ci regala un sorprendente romanzo d’amore e d’anarchia.

Quarta di copertina de "La cattiva reputazione"

francesca bonafini

Francesca Bonafini (Verona 1974) vive a Bologna. Numerosi suoi racconti sono apparsi su riviste, quotidiani e antologie. È presente nel Dizionario affettivo della lingua italiana (Fandango, 2008). Ha pubblicato il romanzo Mangiacuore (Fernandel, 2008). È coautrice del romanzo collettivo Il cavedio (Fernandel, 2011). Ha scritto di musica italiana e in particolare di Ivano Fossati nel volume Sex machine. L’immaginario erotico nella musica del nostro tempo (Auditorium, 2011). Ha pubblicato il libro umoristico a quattro mani Non avremmo mai dovuto. Le frasi che gli uomini sposati dicono alle amanti (Ad est dell’equatore, 2015). Con Avagliano editore ha pubblicato il romanzo Casa di carne (2014), con cui è arrivata finalista al Premio Letterario Internazionale Scrivere per Amore.


 

Un’altra primavera

Il viaggio di Casa di carne (Avagliano, 2014) riparte da Vienna.
L’appuntamento è lunedì 27 aprile alle ore 19.00 alla libreria Hartliebs Bücher – Porzellangasse 36 – 1090 Wien.

Hartliebs Bucher
Un romanzo che fa venire voglia di viaggiare e di innamorarsi.
Grazia Verasani

Casa di carne sa dire magnificamente e tutto della geografia sentimentale. Questo romanzo è un’istigazione all’amore.
Patrizia Rinaldi

Silvio D’Arzo diceva che non c’è nulla al mondo di più bello che scrivere. Per parte mia, potrei dire che il fascino ti prende, quando senti che la lingua diventa ritmo, e che quel ritmo ha una sua verità. Francesca Bonafini, oggi, ridesta questa esperienza di incantesimo.
Fabrizio Frasnedi

Il romanzo di Francesca Bonafini è uno scavo nell’interiorità di una protagonista credibile, autentica, sincera. […] È un libro di forte interrogazione esistenziale, che richiama, per certe tonalità interiori, due scrittori della linea emiliana, la cui lezione l’autrice sembra aver ben presente: Silvio D’Arzo e Pier Vittorio Tondelli.
Roberto Carnero – Il Sole 24 Ore

Acquista Casa di carne su Amazon.

“Casa di carne” (Avagliano, 2014): rassegna stampa

Casa di carne (Avagliano, 2014)

Recensioni su quotidiani e riviste:

  • Il Sole 24 Ore –  recensione a firma di Roberto Carnero
  • La Città – recensione a firma di Simone Gambacorta
  • Satisfiction – recensione a firma di Nicola Vacca
  • Il Quotidiano della Basilicata – recensione a firma di Antonio Celano
  • Il Piccolo  – recensione a firma di Pietro Spirito
  • Il Corriere Adriatico – recensione a firma di Alessandro Moscè
  • La Sicilia – recensione a firma di Domenico Trischitta
  • Avvenire – Roberto Carnero in un suo pezzo intitolato “È bello sapere versi a menadito” uscito su Avvenire il 19 giugno 2016, cita in chiusura un ampio brano da Casa di carne (Avagliano, 2014).

Articoli inerenti al Premio Internazionale di Letteratura Scrivere Per Amore:


Interviste:

Interviste radio:

Video:

Alcune testate on line:


Tra le numerose segnalazioni uscite:

– Repubblica (Palermo), 12/10/2014 – “Casa di carne” il libro più venduto della settimana alla libreria Modusvivendi di Palermo.
– Leggere: tutti – il mensile del libro e della lettura.

Per altri articoli e segnalazioni vedi alla voce Rassegna stampa su questo blog oppure su L’estate di Casa di carne: tutte le date e  L’autunno di Casa di carne: tutte le date.

 

Casa di carne-copertina

Un romanzo che fa venire voglia di viaggiare e di innamorarsi.
Grazia Verasani

Casa di carne sa dire magnificamente e tutto della geografia sentimentale. Questo romanzo è un’istigazione all’amore.
Patrizia Rinaldi

Silvio D’Arzo diceva che non c’è nulla al mondo di più bello che scrivere. Per parte mia, potrei dire che il fascino ti prende, quando senti che la lingua diventa ritmo, e che quel ritmo ha una sua verità. Francesca Bonafini, oggi, ridesta questa esperienza di incantesimo.
Fabrizio Frasnedi

Il romanzo di Francesca Bonafini è uno scavo nell’interiorità di una protagonista credibile, autentica, sincera. […] È un libro di forte interrogazione esistenziale, che richiama, per certe tonalità interiori, due scrittori della linea emiliana, la cui lezione l’autrice sembra aver ben presente: Silvio D’Arzo e Pier Vittorio Tondelli.
Roberto Carnero – Il Sole 24 Ore

 

Casa di carne - quarta di copertina

 

Milano, 1 ottobre 2014, i tre finalisti del premio letterario internazionale "Scrivere per Amore": Alessandra Sarchi, Andrea Molesini, Francesca Bonafini

Milano, 1 ottobre 2014, i tre finalisti del premio letterario internazionale “Scrivere per Amore”: Alessandra Sarchi, Andrea Molesini, Francesca Bonafini

Acquista Casa di carne su Amazon.

Allegria di naufragi

“Il naufragio ci ricorda che non siamo onnipotenti, e che tutte le nostre certezze sono fatte di sabbia, e che il sapere, se davvero coincide con la saggezza, non ha niente a che fare con la sicumera e con lo sfoggio. Perdersi è salvifico, perdersi ci dice chi siamo, ci ricorda una parola bellissima: umiltà, che viene da humus, terra. Noi questo siamo: terra. Che poi humus nel linguaggio corrente significa terreno molto fertile, e noi possiamo essere molto fertili, possiamo generare bellezza, perché l’umiltà ci rende più capaci di creare armonia anziché conflitto o, per lo meno, di porre le basi per una convivenza il più possibile rispettosa, e quindi pacifica. E infine, il naufragio forse ci insegna anche l’allegria, e qui mi riferisco a quel meraviglioso titolo ungarettiano, Allegria di naufragi: il naufragio talvolta rinnova l’attaccamento alla vita, malgrado tutto.”

Dall’intervista uscita su Tribuna Italia.

Il silenzio fa bene alle parole

“Il silenzio fa bene alle parole e a tutto il resto. Parliamo troppo, scriviamo troppo, e dovremmo invece praticare più spesso l’esercizio del silenzio, che è poi anche l’esercizio dell’ascolto. Invece è come se volessimo sempre riempire tutti gli spazi, anche quelli degli altri. Non va bene, e non fa bene. Per questa ragione io sento spesso il bisogno di stare da sola, per poi tornare in mezzo agli altri meglio capace di uno sguardo di tenerezza, come dice Fabrizio Frasnedi, le cui parole sono da tanti anni il mio nutrimento essenziale.”

Dall’intervista che mi ha fatto Marilù Oliva, pubblicata su Libroguerriero.

 

“Casa di carne” a Più Libri Più Liberi – Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria – Roma

bonafini a Più libri più liberi - Roma

Roma-Più Libri Più Liberi

Lo stand di Avagliano a Più Libri Più Liberi 2014.

Lo stand di Avagliano a Più Libri Più Liberi 2014.

Lo stand di Avagliano a Più Libri Più Liberi 2014 - Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria, Roma

 

Serata finale del Premio “Scrivere per amore”

Casa di carne (Avagliano, 2014), giunto nella terzina finalista (su diciannove libri in concorso) del Premio Internazionale di Letteratura “Scrivere Per Amore” insieme a L’amore normale (Einaudi) di Alessandra Sarchi e Presagio (Sellerio) di Andrea Molesini, si è infine aggiudicato il secondo posto.

Queste le motivazioni delle giurate che hanno dato la loro preferenza a Casa di carne:

Casa di carne
di Francesca Bonafini fa venire voglia di scovare uno zaino, riempirlo e andare in cerca del miracolo dell’amore. La protagonista, con le sue partenze e i suoi sconfinamenti, è sincera, autentica. Sono pagine che si bevono anche grazie a un uso della punteggiatura che rende il ritmo e i dialoghi incalzanti, senza bisogno di segni tipografici. (Alda Vanzan, giornalista de Il Gazzettino)

Casa di Carne è un libro che va diritto al cuore e tocca le vibrazioni dei sensi. Anzi, è proprio su un diverso “sentire” sessualmente e mentalmente che fa riflettere. La protagonista, con energia, entusiasmo e coraggio intraprende una strada che non conosce, che non sa bene dove la porterà ma che istintivamente percepisce dover percorrere per trovare l’amore con A maiuscola. In questa ricerca non facile si imbatte e si confronta con altri sentimenti: il piacere della sessualità tra amiche, l’amicizia, la fratellanza, la sofferenza e il dolore. Esperienze che l’aiutano a connotare ancor più incisivamente la sua ricerca. In questo la storia presenta uno spunto, a mio avviso, originale. Anche il ritmo è originale, incalzante e quanto basta da spingere il lettore ad arrivare in fretta alla fine. La scrittura è piacevole, seppur in alcuni tratti appare ancora acerba.
Ma sono convita che Francesca abbia tutti i requisiti per proseguire con successo quel percorso di scrittrice dove è già un nome. (Lucilla Incorvati, giornalista di Plus24-Sole24Ore)

La mia scelta ricade su Casa di carne perché ho molto apprezzato la modernità non solo del tema, ma del modo di affrontarlo. In particolare, la scelta di non cedere al dialogo in forma diretta preferendovi invece la formula indiretta rende la lettura più scorrevole e appassionante. (Manuela Croci, giornalista de Il Corriere Della Sera)

Si dice che i cuori dei giovani ondeggiano sempre. Sono cuori capricciosi, in tensione verso qualcosa che solo intuiscono ma che con difficoltà riescono a raggiungere. L’autrice suggerisce, con una lingua affascinante, ludica ed efficace, che per trovarsi è necessario perdersi. L’irrequietezza del cuore e del corpo non è una debolezza, ma la forza vitale che spinge la protagonista a innamorarsi di se stessa prima di tutto, quindi della vita e di chi ne fa parte. Un romanzo che è un viaggio, proprio come l’amore e che sa restituire al lettore la voglia, qualora perduta, di rischiare tutto per trovare la felicità. (Melissa Panarello, scrittrice)

Andrea Molesini (Sellerio), Alessandra Sarchi (Einaudi), Francesca Bonafini (Avagliano), finalisti al Premio Letterario Internazionale "Scrivere per amore".

Andrea Molesini (Sellerio), Alessandra Sarchi (Einaudi), Francesca Bonafini (Avagliano), finalisti al Premio Letterario Internazionale “Scrivere per amore”.

Serata finale del Premio Letterario Internazionale "Scrivere per amore"

Serata finale del Premio Letterario Internazionale “Scrivere per amore”

Acquista Casa di carne (Avagliano, 2014) su Amazon.

Casa di carne-copertina

Casa di carne: il trailer

Grazie di cuore a Nando Scalamandrè, Daniela D’Angelo, Michela Boccalini, Valentina Osmani, Giampaolo Comida, Raffaele Scalamandrè, Emanuele Ponturo per la cura, il garbo, e l’affetto con cui hanno realizzato questo video. E grazie a Thomas Sinigaglia per la bellissima colonna sonora.

Casa di carne a “Il posto delle parole”: una conversazione radiofonica

Di acque e di identità fluida, di attraversamenti, del verbo desiderare che è un tirar giù dalle stelle, e degli abbracci che sono un prendersi cura. E poi delle parole, che sono la nostra speciale forma di stare al mondo, ma che di fronte alla consapevolezza spaventosa che tutto è fumo e mangiare vento – come sta scritto nel Qohélet – non bastano più, e devono farsi carne per permetterci di vivere in un’orizzonte di senso. E della necessità di trovare un posto, almeno uno, in cui spogliarci di ogni infingimento. E dell’amore, che quando diventa luogo di finzione, non è più degno del suo stesso nome.

Di questo e di molto altro abbiamo parlato a Il posto delle parole, a TRS Radio, in una conversazione con Livio Partiti.

il posto delle parole

“Casa di carne” finalista al premio letterario internazionale “Scrivere Per Amore”

Il mio Casa di carne (edito da Avagliano) è nella terzina finalista del premio letterario internazionale Scrivere Per Amore insieme a L’amore normale (Einaudi) di Alessandra Sarchi e a Presagio (Sellerio) di Andrea Molesini.

"Casa di carne" (Avagliano), "L'amore normale" (Einaudi), "Presagio" (Sellerio).

“Casa di carne” (Avagliano), “L’amore normale” (Einaudi), “Presagio” (Sellerio).

“SCRIVERE PER AMORE”: annunciati i finalisti della XIX edizione

Francesca Bonafini
, Andrea Molesini e Alessandra Sarchi sono i finalisti della XIX edizione di “Scrivere per amore”, Premio letterario internazionale promosso e ideato dal “Club di Giulietta” conferito alle più belle pagine d’amore della letteratura italiana e straniera.

Mercoledì 1 ottobre, alle ore 18, gli scrittori saranno presentati in anteprima al Circolo dei Lettori di Milano – Fondazione Pini, in attesa della finalissima in programma a Verona il 15 novembre

L’amore normale di Alessandra Sarchi edito da Einaudi, Casa di carne di Francesca Bonafini edito da Avagliano e Presagio di Andrea Molesini edito da Sellerio: questi i tre finalisti del Premio Letterario Internazionale “Scrivere per Amore”, promosso dal Club di Giulietta con il sostegno della Cantina Gerardo Cesari e da quest’anno con la preziosa collaborazione del Due Torri Hotel di Verona e del Circolo dei Lettori di Milano – Fondazione Pini.

I tre romanzi, scelti da una giuria tecnica tra le 19 opere in concorso, raccontano l’amore attraverso storie diverse e appassionanti: un complesso quartetto sentimentale ne L’amore normale, analisi di un reticolo di rapporti con finale a sorpresa; una relazione fra personaggi fuori dal comune alla vigilia della tragedia della Grande Guerra in Presagio; la storia dei viaggi e degli amori di una giovane donna alla ricerca di sé e della propria identità in Casa di carne.

Nato nel 1996, il Premio, che annovera tra i suoi vincitori grandi nomi della letteratura nazionale e internazionale ed è l’unico in Italia dedicato al tema dell’amore, vanta da quest’anno la prestigiosa partecipazione del Due Torri Hotel, storico 5 stelle della città, partner promotore e organizzatore, che rende così omaggio all’amore e al suo legame con Verona.

La lussuosa sede ospiterà infatti i finalisti e una giuria esterna di note giornaliste e scrittrici italiane coordinatedal presidente Giuseppe Di Piazza, giornalista del Corriere della Sera, fotografo e scrittore. Queste le quattordici giurate: Alessandra Appiano, Samantha Biale, Daniela Brancati, Desideria Cavina, Manuela Croci, Patrizia Finucci Gallo, Pierangela Fiorani, Silvia Frau, Lucilla Incorvati, Paola Jacobbi, Carlotta Mannu, Melissa Panarello, Alessandra Tedesco, Alda Vanzan.

CALENDARIO APPUNTAMENTI

MERCOLEDÌ 1 OTTOBRE, ORE 18 – Presentazione dei finalisti presso il Circolo dei Lettori di Milano – Fondazione Pini di corso Garibaldi 2, partner ufficiale del Premio, che in questa occasione inaugura anche la collaborazione con il Circolo dei Lettori di Verona. Oltre agli scrittori e ad alcune delle giurate saranno presenti Giovanna Tamassia del Club di Giulietta e la presidente del Circolo dei Lettori di Milano Laura Lepri. Ospiti speciali Marcella Meciani, direttore editoriale di Mondolibri, che parlerà di “Love Stories – Baci bestseller nella fiction moderna”, e Maria Paola Romeo, dell’agenzia letteraria Grandi & Associati che racconterà “L’amore globale, il rosa seriale nell’epoca dell’ebook”.

SABATO 18 OTTOBRE, ORE 20.30 – “Scrivere per amore SLAM”: in Piazza dei Signori a Verona i giurati scaligeri si sfideranno in difesa del proprio finalista preferito. Con Federica Sgaggio, Guariente Guarienti e Valeria Lo Forte. Modera Marco Ongaro.

SABATO 15 NOVEMBRE GRAN FINALE A VERONA – Una giornata che vedrà protagonista l’amore a partire dall’appuntamento delle ore 17.30 nelle splendide sale del Due Torri con il talk “Parlami d’Amore”. Nello storico hotel di Piazza Santa Anastasia le giurate e i finalisti animeranno un frizzante pomeriggio sull’ amore. Alle ore 21 il Teatro Nuovo (Piazza Viviani 10) ospiterà i finalisti e la giura per la proclamazione e la premiazione del vincitore.

Casa di carne su Il Sole 24 Ore

Su Il Sole 24 Ore di domenica 14 settembre 2014 Roberto Carnero scrive:
“Il romanzo di Francesca Bonafini è uno scavo nell’interiorità di una protagonista credibile, autentica, sincera. […] È un libro di forte interrogazione esistenziale, che richiama, per certe tonalità interiori, due scrittori della linea emiliana, la cui lezione l’autrice sembra aver ben presente: Silvio D’Arzo e Pier Vittorio Tondelli.”

L’intera recensione qui:
Casa di carne (Avagliano, 2014) recensito da Roberto Carnero su Il Sole 24 Ore.

il sole 24 ore logo

In viaggio: l’autunno di Casa di carne

Map of Brest 1899
L’autunno di Casa di carne (Avagliano, 2014).

TORINO – 8 settembre, Circolo dei Lettori (via Bogino, 9), ore 18. Interviene Darwin Pastorin.
CHIURO (SO) – 19 settembre, Albergo Fancoli  (via Madonnina 35, località Castionetto), ore 19.30. Interviene Sara Baldini.
PAVIA  – 20 settembre, libreria Il Delfino (piazza Cavagneria 10), ore 18. Interviene Valentina Ferri.
PESARO – 23 settembre, libreria Il Catalogo (via Castelfidardo 58/60), ore 18.30. Interviene Francesco Nicolini.
PESCARA  – 26 settembre, ore 18.30, libreria Primo Moroni (via Quarto dei Mille 29), ore 18.30. Intervengono Caterina Falconi e Mascia Di Marco.
MILANO – 1 ottobre, ore 18, Circolo dei Lettori. Presentazione dei finalisti del premio Scrivere Per Amore (vedi * su questo post)
BOLOGNA – 8 ottobre, Ristorante Enoteca Divinis, Rassegna Libreschi. Ore 19.30.
PALERMO – 12 ottobre, Libreria Modusvivendi, ore 11. Intervengono Beatrice Monroy, Maria Peritore e Rosario Palazzolo.
CATANIA  –  16 ottobre, libreria Feltrinelli, ore 18. Intervengono Domenico Trischitta e Nicola Savoca.
SIRACUSA –  17 ottobre, ore 20, Circolo dei Lettori. Interviene Luigi Amato.
SIRACUSA –  18 ottobre, ore 19, Libreria Mascali, ore 18. Interviene Simona Lo Iacono. Con la partecipazione delle ballerine della scuola di danza di Maria Carmela Capodieci.
PERUGIA –  24 ottobre, ore 17.30 presso il Foyer del Teatro Morlacchi, nell’ambito della rassegna A qualcuno piace leggere organizzata da Umbrialibri-Regione Umbria, Teatro Morlacchi, Liceo classico Mariotti e “L’altra Libreria”. Introduce Pasquale Guerra.
PESCARA – 6 novembre, Festival delle Letterature dell’Adriatico, ore 19. 
VERONA – 15 novembre, Premio Scrivere Per Amore: proclamazione e premiazione del vincitore (vedi * su questo post)
ROMA – 21 novembre, “Scritto misto”: con Beatrice Monroy, Delia Morea, Roberta Lepri. Ristorante Nanà, ore 18.30.
ROMA – 23 novembre, Circolo Mieli (Via Efeso 2A), ore 18. Intervengono Davide Di Poce e Andrea Maccarrone.
PADOVA – 12 dicembre, Associazione culturale Fantalica, ore 21. Interviene Laura Liberale.
VIENNA – 27 aprile 2015, Hartliebs Bücher, ore 18.
TRIESTE – 25 febbraio 2016, incontro con il gruppo di lettura Pen Trieste, ore 18.15.
PIEVE DI CENTO (BO) – 16 marzo 2016, incontro con il gruppo di lettura Falling Book, ore 20.
LUCCA – 4 aprile 2016, ore 18, ciclo di incontri “Vissi d’arte, vissi d’amore”, presso l’Agorà in piazza dei Servi. Con Francesco Nicolini.

Il viaggio continua a Modena, Verona, Gorizia, Padova, Amsterdam e altre. Prossimamente le date con tutti i dettagli.

*Aggiornamento: Casa di carne è nella terzina finalista del premio Scrivere Per Amore. Si aggiungono quindi due appuntamenti: il 1 ottobre a Milano e il 15 novembre a Verona. Tutti i dettagli sul sito del premio.

***

Altri appuntamenti autunnali:
– Bologna, 7 ottobre, libreria Ubik, ore 18, affiancherò Alessio Arena nella presentazione del suo nuovo romanzo La letteratura tamil a Napoli (Neri Pozza, 2014).
– Bologna, 4 novembre, Libreria Trame. Presentiamo l’antologia Père Lachaise. Racconti dalle tombe di Parigi  (Ratio et Revelatio, 2014; a cura di Laura Liberale) alla libreria Trame, ore 18.
– Ozzano dell’Emilia (BO), 11 novembre, alla “Palazzona di Maggio” (via Panzacchi 16) affiancherò Grazia Verasani nella presentazione del suo nuovo romanzo Mare d’inverno (Giunti, 2014). Dettagli in via di definizione.

Francesca Bonafini e "Casa di carne" al Salone Internazionale del Libro 2014, Torino.

Francesca Bonafini e “Casa di carne” al Salone Internazionale del Libro 2014, Torino.


Casa di carne (Avagliano, 2014)

Storia di viaggi e di attraversamenti sia fisici sia esistenziali, e sulla ricerca di sé. Trieste, Brest, Rio de Janeiro, Lisbona, ogni città è per Angela una frontiera da oltrepassare. Trova finalmente un lavoro stabile come cameriera in un albergo, prepara le colazioni, ma vive con profonda inquietudine e curiosità: ha sempre lo zaino pronto, si innamora di Miriam, incontra Alessio, va a vivere con Tiago e non smette mai di credere nell’amore come unico luogo a cui tornare. Salvo poi prendere atto che la fine di ogni sentimento è un addio preparatorio all’ultimo addio della vita. Tra partenze, amicizie, avventure Angela è pronta a gettare via le sue maschere. Ma a quale prezzo? E sapranno fare lo stesso anche i compagni che incontrerà lungo la strada? Un romanzo che ha in sé tutta la meraviglia e il pericolo dello sconfinamento.

Acquista Casa di carne su Amazon.

Casa di carne-copertina

Un romanzo che fa venire voglia di viaggiare e di innamorarsi.
Grazia Verasani

Casa di carne sa dire magnificamente e tutto della geografia sentimentale. Questo romanzo è un’istigazione all’amore.
Patrizia Rinaldi

Silvio D’Arzo diceva che non c’è nulla al mondo di più bello che scrivere. Per parte mia, potrei dire che il fascino ti prende, quando senti che la lingua diventa ritmo, e che quel ritmo ha una sua verità. Francesca Bonafini, oggi, ridesta questa esperienza di incantesimo.
Fabrizio Frasnedi

 

Avagliano logo
Un po’ di rassegna stampa: Nicola Vacca su SatisfictionSimone Gambacorta sul quotidiano di Teramo La cittàAntonio Celano su Il Quotidiano della Basilicata, Pietro Spirito sul quotidiano di Trieste Il Piccolo, Roberto Carnero su Il Sole 24 Ore, Alessandro Moscè su Il Corriere Adriatico.
Per altri articoli vedi Rassegna stampa.

Alcune interviste: su Letteratitudine, su Life and Style Magazine, su Il Friuli Venezia Giulia, su Leggimi Forte.

Interviste radio: Radio Città del Capo, Radio MPA, Trasmissione Il posto delle parole a Radio TRS 

Video:
Sconfinare, sporgersi, spogliarsi.
Pier Vittorio Tondelli e gli abbracci.
La parola amante – lettura
I baci contrapposti – lettura
Intervista a Quibologna.tv
Book tralier

Torino. Con Darwin Pastorin al Circolo dei Lettori, 8 settembre 2014-

Torino. Con Darwin Pastorin al Circolo dei Lettori, 8 settembre 2014.

Milano, 1 ottobre 2014, i tre finalisti del premio letterario internazionale "Scrivere per Amore": Alessandra Sarchi, Andrea Molesini, Francesca Bonafini

Milano, 1 ottobre 2014, i tre finalisti del premio letterario internazionale “Scrivere per Amore”: Alessandra Sarchi, Andrea Molesini, Francesca Bonafini

****

Casa di carne ha già viaggiato qui: le tappe della primavera e dell’estate 2014.

 

Bologna, con Fabrizio Frasnedi alla libreria Coop Ambasciatori, 9 giugno 2014.

Bologna – con Fabrizio Frasnedi alla libreria Coop Ambasciatori, 9 giugno 2014.

ROMA - Università La Sapienza. Intervento sul leggere e sullo scrivere, in occasione della cerimonia di premiazione del Premio Nanà.

Roma – Università La Sapienza. Intervento sul leggere e sullo scrivere, in occasione della cerimonia di premiazione del Premio Nanà. 6 giugno 2014.

Al Festival delle Storie in Val di Comino con Marco Vichi, Marina Mander e Divier Nelli. 27 agosto 2014

Al Festival delle Storie in Val di Comino con Marco Vichi, Marina Mander e Divier Nelli.
27 agosto 2014.

Casa di carne sul quotidiano Il Piccolo di Trieste

La recensione a firma di Pietro Spirito, uscita il 3 agosto 2014 sul quotidiano triestino Il Piccolo.

Casa di carne - recensione su Il Piccolo